Cinema danese, dalla Bier a Winding Refn

Il cinema danese raccoglie sempre plausi e premi oltre ad essere innovativo. Di recente è toccato a Il Sospetto (Jagten), di Thomas Vinterberg interpretato da Mads Mikkelsen - Migliore Attore a Cannes nel 2012 e a A Royal Affair, candidato all'Oscar 2013 come Miglior Film Straniero. Ora attendiamo le sorti di Nicolas Winding Refn con il suo Only God Forgives, in concorso a Cannes 2013.

Il Sospetto (Jagten)

Il Sospetto è la cronaca inquietante di una bugia che diventa verità quando i pettegolezzi, il dubbio e la maldicenza danno il via a una caccia alle streghe che minaccia di distruggere la vita di un uomo innocente. Dopo un difficile divorzio, il quarantenne Lucas (Mads Mikkelsen) ha una nuova compagna e un nuovo lavoro e sta finalmente recuperando il rapporto col figlio adolescente, Marcus. Ma qualcosa va storto. Durante le feste natalizie, una storia inventata, una bugia qualsiasi si diffonde come un virus. Lo shock e i sospetti prendono il sopravvento e la piccola comunità viene travolta da un’ondata di isteria collettiva, mentre Lucas combatte una battaglia solitaria per difendere la sua vita e la sua dignità.

Thomas Vinterberg

Regista e sceneggiatore di fama internazionale, Thomas Vinterberg si è diplomato alla Scuola di cinema danese nel 1993. Nel 1995 ha scritto con Lars Von Trier il manifesto del Dogma 95. Nel 1998 ha diretto Festen - Festa di Famiglia, secondo le rigide regole del Dogma. Festen ha vinto, tra gli altri, il premio speciale della giuria a Cannes, il premio Fassbinder agli European Film Awards, e il premio dei critici di New York e di Los Angeles per il Miglior film in lingua straniera. Vinterberg ha diretto due film in lingua inglese: Le forze del destino (2003), con Joaquin Phoenix e Sean Penn; e Dear Wendy (2005), con Jamie Bell, scritto da Lars von Trier. Il regista è tornato a girare in danese prima con la commedia Riunione di Famiglia (2007), e qualche anno dopo con Submarino (2010). Quest’ultimo film, presentato in concorso alla Berlinale del 2010, ha vinto il Nordic Council’s Film Award nel 2010. Thomas Vinterberg ha inoltre scritto e diretto spettacoli teatrali di grande successo – lavori che ancora oggi fanno il tutto esaurito nei teatri di mezza Europa – e girato video musicali per i Blur e i Metallica. Quest'anno sarà a Cannes nella veste di presidente della giuria della sezione Un Certain Regard.

Mads Mikkelsen

Attore pluripremiato e di fama internazionale, Mads Mikkelsen è il divo del cinema più popolare in Danimarca. Nato nel 1965, Mikkelsen ha ha esordito sul grande schermo nel 1996 nel film Pusher – L’Inizio di Nicolas Winding Refn (Drive). Tra il 2000 e il 2004 è stato protagonista della fortunata serie della televisione danese Rejseholdet, premiata con un Emmy. Ultimamente, ha interpretato il film di Nikolaj Arcel En Kongelig Affære (A Royal Affaire, 2012), Orso d’argento a Berlino per il Migliore attore e la Migliore sceneggiatura, e grande successo al botteghino.
La carriera internazionale di Mikkelsen è iniziata con il film di Antoine Fuqua King Arthur (2004), nel ruolo di Tristano. La svolta c’è stata invece quando ha vestito i panni del “cattivo” nel film di James Bond Casino Royale (2006). Quello stesso anno è stato il protagonista del film candidato all’Oscar Dopo il Matrimonio diretto da Susanne Bier. Mikkelsen ha interpretato molti altri film internazionali come Valhalla Rising – Regno di Sangue (2009), Coco Chanel & Igor Stravinsky (2009), Scontro tra Titani (2010) e I Tre Moschettieri (2011). Nel 2011 ha ricevuto il prestigioso premio alla carriera degli European Film Award, per lo straordinario contributo che ha dato al cinema mondiale. Quest'anno lo aspetta un'altra prova magistrale, il ruolo del Dottor Lecter nella serie USA Hannibal.

Una romantica Susanne Bier

Altro film danese uscito nel 2012 è Love is All you Need, che vede il premio Oscar Susanne Bier impegnata in una commedia fresca e frizzante con protagonisti Pierce Brosnan e Trine Dyrholm. Lo spunto per la storia è romantico: durante un fine settimana in cui si celebra un matrimonio a Sorrento, una serie di personaggi si ritrova a fare i conti con l'amore. 

Tra i più importanti registi danesi, Susanne Bier è molto amata anche a livello internazionale. È il film Open hearts, appartenente al movimento Dogma 95, a darle il suo primo successo internazionale, ma la fama l'ha raggiunta grazie a Non desiderare la donna d'altri. Il suo celebre In un mondo migliore, ha vinto l'Oscar come Miglior film in lingua straniera nel 2011.

A Royal Affair

Uscirà in Italia a fine agosto il film candidato all'Oscar 2013 come Miglior Film Straniero, ovvero A Royal Affair, che racconta le vicende del medico e consigliere di corte Struensee, padre dell'Illuminismo in Danimarca e del suo sfortunato amore per la giovane regina. Struensee è interpretato da Mads Mikkelsen, attore super impegnato negli ultimi anni. Si tratta di un dramma storico ricco di tensione e di eleganza, è ambientato in una Danimarca in cui i gentiluomini in calzamaglia e parrucca lasciano la politica in mano a un re schizofrenico. Questo film da Oscar è basato su una storia vera, A Royal Affair racconta infatti il tragico triangolo amoroso tra Re Cristiano VII, sua moglie Caroline Mathilde e il loro medico, il tedesco Johan Friedrich Struensee.  Struensee, uomo illuminato, una volta divenuto il medico personale di Cristiano VII, riesce a instillare i propri ideali nel re il quale li impone ai suoi ministri. Però, nel medesimo tempo, inizia una relazione con Caroline Mathilde dalle conseguenze fatali. 

Oggi è possibile visitare alcuni dei luoghi rappresentati nel film, sia a Copenaghen che nei dintorni: il Palazzo di Christiansborg, oggi sede del Parlamento danese, e il Castello di Kronborg a Elsinore (noto anche per essere il castello dell'Amleto di Shakespeare ).

Come anticipato, l'affascinante medico è interpretato da Mads Mikkelsen. Il film, che ha già vinto due Orsi d'argento al Festival di Berlino, è stato candidato all'Oscar nella categoria Miglior Film in Lingua Straniera nel 2013 ma ha dovuto arrendersi a Amour di Haneke. 

Il boom del cinema danese

Il cinema danese sta crescendo come mai prima d’ora, grazie agli artisti talentuosi di cui si avvale e incentivato da supporti governativi. Registi del calibro di Lars von Trier, Susanne Bier, Nicolas Winding Refn e Thomas Vinterberg sono eccellenti esempi del talento danese. Film danesi come “Festen - Festa Di famiglia”, “Dancer In The Dark”, “Italiano per Principianti” e “In un mondo migliore” sono stati grandi successi internazionali, premiati con riconoscimenti prestigiosi ai quali ora si aggiunge anche “Jagten – Il sospetto”. Attori danesi quali Iben Hjejle (“Alta Fedeltà”), Connie Nielsen (“L’Avvocato Del Diavolo”, “Mission to Mars”, “Il Gladiatore”), Ulrich Thomsen (“Festen – Festa Di Famiglia”, “007: The World Is Not Enough”, “Killing Me Softly”) e naturalmente Mads Mikkelsen si impongono ormai da anni sulla scena internazionale.

Curiosità: la prima casa di produzione cinematografica

Agli inizi del novecento, la Danimarca era la nazione leader nella produzione cinematografica mondiale, e oggi dopo oltre 100 anni di attività nel settore, la più grande casa cinematografica danese, Nordisk Film, detiene il primato della più antica casa produttrice ancora in attività. Nordisk Film era l’Hollywood europea durante l’era del muto e nel corso dei decenni ha saputo amministrare con competenza il business. Oggi le attività dell’azienda, parte del gruppo Egmont, comprendono l’intero spettro dei media moderni. Puoi ammirare gli studi storici della Nordisk Film a Valby, nei pressi della capitale danese, prenotando una visita guidata alla scoperta delle radici del cinema.

Il regno del cinema a Copenaghen

La Film House del Danish Film Institute è il luogo dove l’arte del cinema regna sovrana. Situata nel centro di Copenaghen, la DFI-Film House è l’affascinante sede della cineteca nella quale sono archiviati e messi a disposizione del pubblico film da tutto il mondo e di tutti i generi. 
La Casa del Cinema DFI è molto più che la possibilità di visionare i film in archivio. Infatti le attività sono numerose: eventi fino a tarda notte, seminari, proiezioni di rassegne, incontri con artisti e registi e c’è anche il laboratorio cinema per bambini FILM-X. La Film House è sicuramente un posto suggestivo dove trascorrere il tempo, curiosando nella libreria-videoteca o pranzando presso il Café & Restaurant SULT, che prende il nome dal famoso classico di Henning Carlsen. 

Approfondimenti

Copenaghen

New Nordic Noir

 

Share this page

Trailer A Royal Affair

Trailer Il Sospetto

Trailer Love Is All You Need

Ritratto di una Palma d'Oro: Nicolas Winding Refn

Nato a Copenaghen, a otto anni si trasferisce con la famiglia negli Stati Uniti (New York). Negli anni '90 frequenta l'American Academy of Dramatic Arts, ma poi torna in Danimarca, dove un suo cortometraggio attira l'attenzione di un produttore, che gli offre 32 milioni di corone per farlo diventare un film. In questo modo, a soli 25 anni, realizza il suo primo film, Pusher - L'inizio, primo capitolo di una trilogia ("Trilogia del Pusher"). Nel 1999 gira un secondo lungometraggio, Bleeder e poi nel 2003 Fear X, in lingua inglese. 

Nel 2009 dirige Mads Mikkelsen nella saga vichinga Valhalla Rising - Regno di sangue, ma è nel 2011 che Refn conquista il mondo del cinema, quando vince la Palma d'Oro a Cannes per la Miglior Regia per Drive, con Ryan Gosling. Ora siamo tutti in trepida attesa per il nuovo film con lo stesso Gosling, Only God Forgives che verrà presentato in concorso a Cannes 2013.

Leggi un ritratto di Refn