Una capitale ricca di luoghi maestosi ed eventi reali!

Royal Affair a Copenaghen

Royal Affair
Il film danese Royal Affair, vincitore al Festival di Berlino 2012 dell’Orso d’argento per la sceneggiatura e del premio per il miglior attore, esce in Italia il 29 agosto distribuito da Academy Two.
Martedì, Luglio 30, 2013

Il film danese Royal Affair è tratto da una storia vera: la vicenda del drammatico triangolo amoroso tra il folle re di Danimarca Christian VII, sua moglie Caroline Mathilde e il loro medico tedesco Johann Friedrich Struensee.

Nel film, nel cui cast troviamo l’attore danese più celebre a livello internazionale, Mads Mikkelsen nel ruolo dell’idealista Struensee, la regina vive un’appassionante storia d’amore con il suo medico. La storia avrà conseguenze fatali per entrambe le loro vite e addirittura per il destino del Paese.
La sceneggiatura di Royal Affair è stata scritta da Dane Nicolaj Arcel e i due personaggi principali, il Re Christian VII e la Regina Caroline Mathilde sono interpretati rispettivamente dall’attore danese Mikkel Boe Følsgaard e dall’attrice svedese Alicia Vikander. L’attrice danese pluripremiata Trine Dyrholm interpreta la matrigna del re, Juliane Marie, la quale ha un ruolo cruciale nella disfatta di Struensee. Il film ha vinto due Orsi d’Argento al Festival Internazionale del Cinema di Berlino ed è stato il candidato danese per il premio Oscar nel 2013.

Il film uscirà nelle sale italiane il 29 agosto, distribuito da Academy Two.

Royal Affair si svolge nella Corte Reale di Copenaghen del diciottesimo secolo. Numerose scene sono girate in Repubblica Ceca ma ancora oggi si possono visitare, a Copenaghen, molti dei luoghi nei quali la drammatica storia si è realmente svolta.

Il Palazzo di Christiansborg a Copenaghen è stata la principale residenza di corte dal ‘400 al 1794, anno in cui la famiglia reale si trasferì presso il Palazzo di Amalienborg. Il Re Christian VII nacque qui il 29 gennaio del 1749. Ben presto fu chiaro che Christian VII non fosse del tutto normale: il ragazzino infatti si scoprì essere affetto da schizofrenia. Nel 1766, il re diciassettenne sposa sua cugina inglese quindicenne Caroline Mathilde nella Cappella del Palazzo di Christiansborg e soltanto un’anno più tardi hanno un figlio, Frederik VI.

Il loro matrimonio era ben lontano dall’essere un’unione felice e non impedì di certo al re Christian VII di perdersi tra alcol, prostitute, risse e festini. Non c’è quindi da stupirsi se la regina, in preda alla solitudine, abbia riversato il suo amore sul medico del re, Johann Friedrich Struensee. Si racconta che Caroline Mathilde camminasse di notte in punta di piedi per i corridoi di Christiansborg per incontrare il suo amante segreto.

La coppia e il loro medico, in seguito, si trasferirono al Palazzo di Frederiksberg, con anche il figlio, il futuro re Frederik VI. Nel 1770-1772 il Palazzo di Frederiksberg venne restaurato in stile Neoclassico. Seguendo il consiglio di Johann Friedrich Struensee, si costruì un bagno in marmo nel seminterrato del palazzo. Nel centro della stanza da bagno fu costruita una grande vasca in marmo, la prima con acqua calda corrente mai costruita a Copenaghen. Struensee credeva che i bagni termali potessero avere un effetto di guarigione sulla schizofrenia del re Christian VII.

Il re però non fece mai uso della sala da bagno, in quanto era spaventato dall’idea di scendere le strette scale che portavano al seminterrato. Divenne invece il bagno della regina e fu qui che lei e Struensee consumarono il loro amore proibito. Secondo quanto riportato, il giovane principe Frederik, amava il Palazzo di Frederksberg e i suoi Giardini, dove, una volta adulto avrebbe navigato sui canali con la sua famiglia. Si narra che talvolta il suo fantasma appaia nel palazzo, sotto forma di un piccolo cane bianco.

Nel 1767, al Palazzo di Christiansborg, venne inaugurato il Teatro di Corte, nell’edificio di fianco al Maneggio, costruzione che oggi ospita il Museo del Teatro. È qui che, il 17 gennaio 1772 dopo un ballo in maschera, il 34enne Johann Friedrich Struensee venne arrestato durante il colpo organizzato dalla regina madre Juliane Marie, matrigna del re Christian VII. 
Per almeno due anni Struensee governò la Danimarca e introdusse radicali riforme per conto del folle re Christian VII, troppo malato per governare. Struensee si autoproclamò Primo Ministro e guidò il paese verso l’Illuminismo. Le sue riforme controverse per il tempo e le numerose voci sulla sua presunta storia d’amore con la regina Caroline Mathilde lo resero impopolare.

La regina Caroline Mathilde venne anch’ella posta sotto arresto al Castello di Kronborg, a nord di Copenaghen, probabilmente il castello più famoso castello di Danimarca, celebrein tutto il mondo grazie all’Amleto di Shakespeare. La accusarono di adulterio e nonostante il suo avvocato difensore Peter Uldall fece tutto il possibile, venne dichiarata colpevole, costretta a divorziare dal re e esiliata nella città di Celle, nella Germania del Nord. Non vide mai più i suoi figli e morì poco tempo dopo a causa di un’epidemia.

Struensee invece, venne messo agli arresti alla Citadella, fondata dal Re Danese Christian IV nel 1626, sul confine tra la parte interna di Copenaghen e l’area di Østerbro. L’ex medico tedesco venne interrogato il 21 febbraio 1772 e condannato per tradimento a causa della sua storia d’amore con la regina Caroline Mathilde, che diede alla luce sua figlia, la Principessa Louise Augusta. Struensee fu condannato alla decapitazione e il re stesso, che al momento era troppo malato di mente per capire che cosa effettivamente stava succedendo, firmò la sua condanna a morte. 

L’esecuzione ebbe luogo il 28 aprile 1772 a Østerfælled, dove oggi si trova il Fæelledparken a Østerbro. Dove oggi la gente porta a spasso i cani, prende il sole e gioca a pallone, un tempo i condannati venivano giustiziati per tradimento. Di fronte a circa 30,000 degli allora 70,000 abitanti della città, prima si tagliò la mano destra di Struensee, poi la testa, separata dal suo corpo soltanto da un terzo colpo. Il corpo senza vita venne fatto a pezzi, messo su un carro e portato a Gallows Hill, che era dove Amerikavej e la casa discografica VEGA sono oggi. Si pensa che il suo corpo sia stato appeso lì per qualche anno, prima che i suoi resti venissero bruciati sulla collina. Le sue ossa vennero dissotterrate nuovamente nel 1895 e oggi sono sepolte nella Chiesa tedesca di Sankt Petri, nel cuore del vecchio quartiere latino di Copenaghen. Johann Friedrich Struensee era tedesco e si trasferì in Danimarca all’età di 31 anni come medico del re Christian VII. Apparteneva di conseguenza alla comunità di lingua tedesca di Copenaghen. Ma siccome era un ateo dichiarato e un uomo dalle idee illuministe, non mise mai piede in chiesa da vivo. Ora le sue ossa- o quelle che si crede siano le sue ossa- si trovano nella cappella della chiesa di Sankt Petri.

Al Museo Nazionale di Copenaghen si può vedere l’ascia originale usata da per decapitare il giovane medico e amante della regina. Per un periodo di tempo Struensee visse anche lui nel Palazzo del Principe, dove oggi si trova il Museo Nazionale di Copenaghen. Fu costruito da Nicolai Eigtved negli anni tra il 1743 e il 1744 per il Principe della Corona Danese Frederik V e la Principessa Louise. Si può qui vedere in una bacheca, l’ascia ma anche altri oggetti che venivano utilizzati durante la sua esecuzione, e il suo anello con le iniziali.

Altri luoghi della Monarchia Danese

Il Castello di Rosenborg

Il Castello di Rosenborg ospita alcuni dei più grandi tesori culturali della Danimarca. Fu costruito negli anni tra il 1606 e il 1634 da Christian IV come castello di divertimenti. Nei seminterrati si trovano i gioielli della Corona Danese e le vesti reali. Il Castello di Rosenborg è stato la residenza della famiglia reale fino al 1720. Ogni re ha fatto sistemare la propria camera in accordo con le mode dei tempi. Tra le principali attrazioni di Rosenborg vi è la Sala principale con il trono dell’incoronazione protetta da due leoni d’argento e tre bacheche con la corona e i gioelli reali.
Al Castello di Rosenborg si possono ammirare i ritratti di Johann Friedrich Struensee e della regina Caroline Mathilde. Il ritratto di Struensee, dipinto da Hans Hansen risale al 1824 ed è una copia del quadro del pittore Jens Juel. Il ritratto originale fatto da Jens Juel della regina Caroline Mathilde invece è del 1771.

Palazzo di Frederiksborg

Il palazzo di Frederiksborg è situato sui tre isolotti nel lago del castello a Hillerød, a nord di Copenaghen. L’edifico, circondato dal bellissimo Giardino del Palazzo di Frederiksborg, fu costruito secondo lo stile del Rinascimento Fiammingo all’inizio del ‘600 dal re Christian IV.
Il Museo di Storia Naturale del Palazzo di Frederiksborg illustra la storia della Danimarca e ospita una considerevole collezione di ritratti storici e di arte moderna. Al museo si possono ammirare ritratti sia di Johann Friedrich Struensee sia della regina Caroline Mathilde fatti dall’artista Jens Juel, insieme ad altri dipinti di artisti come Karel van Mander, Wilheilm Mastrand, P.S. Krøyer e Niels Strøbæk.

La Cattedrale di Roskilde

La magnifica Cattedrale in mattoni rossi con le sue altissime guglie è considerata uno dei monumenti architettonici più importanti di tutta la Danimarca ed è nella lista dei patrimoni dell’UNESCO.
Nei primi del 400, la cattedrale venne designata a cimitero reale e fino ai tempi della Riforma, tutti i re danesi hanno qui trovato sepoltura. Il folle re Christian VII morì di infarto il 13 marzo 1808 e venne seppellito qui. Poi verrà seguito da suo figlio Frederik VI.

Flagship Store della Royal Copenhagen

La Royal Copenhagen si chiamava in origine Royal Porcelain Factory e venne fondata nel 1775. In tutti questi anni ha sempre creato prodotti nel profondo rispetto per la storia e la tradizione degli artigiani, ma mai senza un elemento di novità. La Royal Copenhagen è il fornitore ufficiale della monarchia danese e ha sempre avuto un rapporto molto stretto con la famiglia reale. La regina madre Juliane Marie, matrigna del folle re Christian VII, ha intensamente supportato la nascita nel 1775 della Royal Porcelain Factory e, nel 1781, le crearono un busto in porcellana. La regina madre aveva anche il suo corredo di stoviglie personale chiamato appunto Juliane Marie. Possiamo ringraziare il re Christian VII, che era schizofrenico e che sposò la regina Caroline Mathilde (la quale aveva una storia d’amore con il loro medico Johann Friedrich Struensee) per il più famoso corredo di porcellane della Royal Copenhagen: il Flora Danica. Fu creato tra il 1790 e il 1803 ed è decorato con disegni rappresentanti la flora in Danimarca. Christian VII ne ordinò la produzione come regalo a Caterina la Grande di Russia, la quale morì prima che il corredo venisse completato. La Royal Porcelain Factory fu gestita dalla Corte Reale Danese fino al 1868.

Tour guidato di Royal Affair

Venite nel Regno di Danimarca e rivivete la storia di amore e follia, idealismo e intrigo del film Royal Affair, attraverso un tour guidato della città. Incontrate il geniale e bizzarro re Christian VII e la sua giovane sposa Caroline Mathilde e vedete la corte danese del 18esimo secolo attraverso gli occhi del loro medico Johann Friedrich Struensee.
Il tour a piedi guidato Royal Affair vi apre le porte dei palazzi reali e vi conduce alla scoperta del fascino e dei segreti della Copenaghen reale. Esplorerete le strette stradine di ciottoli di Copenaghen per visitare il lato buio dell’Illuminismo – e ascoltare la storia degli scandali causati dal folle re Christian VII – non in ultimo attraverso la sua passione per la spaventosa Boot Katrine. Il racconto finisce nella piazza Nytorv dove la giustizia del re colpiva gli sfortunati peccatori. Si tratta di un disastroso episodio della storia Danese e uno dei più grandi scandali reali d’amore in Europa.

Royal Affair al Copenhagen Admiral Hotel

Tuffati alla scoperta di Copenaghen e dei suoi più di 800 anni di storia. Dopo aver fatto il check in dalle 14:00 in poi, l’ entrata al palazzo di Christiansborg include le Royal Reception Rooms, le Rovine, le Scuderie Reali e le carrozze, la Cappella del palazzo e del Parlamento, l’alloggio in una camera doppia e un ampio buffet delle colazioni.

Il Palazzo di Christiansborg, nel centro di Copenaghen ha più di 800 anni di storia come sede del potere del regno. Oggi il Palazzo è sede del Parlamento, Ufficio del Primo Ministro e della Corte Suprema. Inoltre, numerose parti del palazzo sono utilizzate dalla Casa Reale come Sale di rappresentanza.
Prezzo del pacchetto a notte: 770 DKK/ 103 EURO per persona in una camera doppia e 140 DKK/18 EURO per bambini fino ai 12 anni – numero massimo di bambini: 2. (Supplemento per stanza singola di 475 DKK/ 75 EURO)

L’offerta è valida fino al 30 dicembre 2013 per un numero limitato di camere. Prenota chiamando il numero +45-3374 1414 o mandando una mail a booking@adm.... Il codice di prenotazione è 09.

Per maggiori informazioni su Royal Affair

Share this page

Indirizzi utili

Castello di Christiansborg Slotsholms | 1218 Copenaghen 

Castello di Frederiksberg Frederiksberg │2000 Frederiksberg Tel. +45 3616 2244

Castello di Kronborg Kronborg 2 C │DK-3000 Helsingør Tel. +45 4921 3078

Castello di Rosenborg Øster Voldgade 4A │1350 København K Tel.  +45 33 15 32 86

Kastellet Gl. Hovedvagt │ Kastellet 1 │ 2100 Copenaghen Ø │Tel. +45 33 11 22 33

Castello di Frederiksborg Frederiksborg│ 3400 Hillerød Tel. +45 48 26 04 39

Chiesa di Sankt Petri Sankt Peders Stræde 2 │1453 København Tel. +45 33 13 38 33

Museo Nazionale Ny Vestergade 10 │ Copenhagen  Tel. +45 33 13 44 11 

Copenhagen Admiral Hotel Toldbodgade 24 - 28 │ 1253 Copenhagen K Tel. +45 33 74 14 14

Royal Copenhagen Flagship Store  Amagertorv 6 │1160 Copenaghen K Tel. +45 3313 7181

Tour Guidati