I film danesi premiati

Sono tanti i film danesi premiati nei festival internazionali. Qui ci sono i preferiti di VisitDenmark.

Il Sospetto (Jagten)

Il Sospetto, regia di Thomas Vinterberg, è la cronaca inquietante di una bugia che diventa verità quando i pettegolezzi, il dubbio e la maldicenza danno il via a una caccia alle streghe che minaccia di distruggere la vita di un uomo innocente. Dopo un difficile divorzio, il quarantenne Lucas (Mads Mikkelsen) ha una nuova compagna e un nuovo lavoro e sta finalmente recuperando il rapporto col figlio adolescente, Marcus. Ma qualcosa va storto. Durante le feste natalizie, una storia inventata, una bugia qualsiasi si diffonde come un virus. Lo shock e i sospetti prendono il sopravvento e la piccola comunità viene travolta da un’ondata di isteria collettiva, mentre Lucas combatte una battaglia solitaria per difendere la sua vita e la sua dignità. Il film è arrivato nella cinquina finale per la corsa al premio Oscar come Miglior Film in Lingua Straniera nel 2014, quando però l'Oscar è tornato all'Italia (La Grande Bellezza, Paolo Sorrentino)

Royal Affair (2012)

Candidato all'Oscar 2013 come Miglior Film Straniero,  Royal Affair racconta le vicende del medico e consigliere di corte Struensee, padre dell'Illuminismo in Danimarca e del suo sfortunato amore per la giovane regina. Struensee è interpretato da Mads Mikkelsen, attore super impegnato negli ultimi anni. Si tratta di un dramma storico ricco di tensione e di eleganza, ambientato in una Danimarca in cui i gentiluomini in calzamaglia e parrucca lasciano la politica in mano a un re schizofrenico. Questo film è basato su una storia vera, racconta infatti il tragico triangolo amoroso tra Re Cristiano VII, sua moglie Caroline Mathilde e il loro medico, il tedesco Johan Friedrich Struensee.  Struensee, una volta divenuto il medico personale di Cristiano VII, riesce a instillare i propri ideali illuministi nel re il quale li impone ai suoi ministri. Però, nel medesimo tempo, inizia una relazione con Caroline Mathilde dalle conseguenze fatali. Il film, che ha vinto due Orsi d'argento al Festival di Berlino, è stato candidato all'Oscar nella categoria Miglior Film in Lingua Straniera nel 2013 ma ha dovuto arrendersi a Amour di Haneke.

Oggi è possibile visitare alcuni dei luoghi rappresentati nel film, sia a Copenaghen che nei dintorni: il Palazzo di Christiansborg, oggi sede del Parlamento danese, e il Castello di Kronborg a Elsinore (noto anche per essere il castello dell'Amleto di Shakespeare ). Tour: In the footsteps of A Royal Affair

Melancholia (2011)

Opera del controverso regista Lars von Trier, Melancholia racconta la storia di due sorelle durante e appena dopo il matrimonio di una di loro, mentre la Terra è minacciata da una catastrofe per l'imminente collisione con il pianeta Melancholia. Melancholia è stato in lizza per diversi premi e ha fatto vincere a Kirsten Dunst il premio come migliore attrice a Cannes. Melancholia ha inoltre vinto 3 premi allo European Film Awards per le categorie Best Film, Best Cinematographer e Best Designer.

Festen (1998)

Festen, diretto da Thomas Vinterberg è stato il primo film realizzato secondo i criteri e le regole di Dogme95. Il film racconta le vicende di una famiglia che si ritrova per festeggiare il 60mo compleanno del padre. Durante la cena, il figlio più grande accusa il padre di aver abusato sessualmente di lui e della sorella gemella appena suicidatasi. Festen ha vinto diversi riconoscimenti nei festival internazionali, quali Cannes e lo European Film Awards.

Il pranzo di Babette (1987)

Il Pranzo di Babette (“Babettes gæstebud”) è stato tratto da un racconto di Karen Blixen e diretto da Gabriel Axel (il regista si è spento nel 2014). Ambientato nella remota costa occidentale dello Jutland nel XIX secolo racconta la storia di Babette, rifugiata parigina in fuga dalla repressione della Comune francese, che compare in paese e offre i suoi servizi come governante. Lentamente Babette vince le resistenze della popolazione e, quando vince la lotteria, decide di dedicare un pranzo speciale alle sue ospiti. Il film nel 1987 vinse l'Oscar come Miglior Film in Lingua Straniera  e il premio come Miglior Film non in Lingua Straniera ai BAFTA Film Award.

Pelle alla conquista del mondo (1987)

Pelle alla Conquista del Mondo (“Pelle Erobreren”) è stato diretto e co-sceneggiato da Bille August. È la storia di un padre e un figlio che emigrano dalla Svezia in Danimarca per ricostruire la loro vita. Pelle alla Conquista del Mondo nel 1998 ha vinto l'Oscar come Miglior Film in Lingua Straniera e la Palma d'Oro a Cannes oltre al Golden Globe Award for Best Foreign Language Film.

In un Mondo Migliore (2010)

In un Mondo Migliore (“Hævnen”) è un film diretto da Susanne Bier. Questo lungometraggio descrive la vita di un medico svedese che fa il pendolare ttra Svezia e Danimarcae il suo lavoro in un campo profughi sudanese. Il medico e la sua famiglia devono affrontare conflitti che li porteranno a dover scegliere tra vendetta e perdono in due mondi completamente differenti. Nel 2011 In un Mondo Migliore ha vinto l'Oscar come  Miglior Film in Lingua Straniera e il Golden Globe Award for Best Foreign Language Film.

Drive (2011)

Drive è un film d'autore drammatico diretto da Nicolas Winding Refn e di produzione americana. La trama riguarda la storia di uno stuntman di Hollywood, Ryan Gosling, che di secondo lavoro fa l'autista per le rapine e del suo incontro con Irene, la vicina di casa interpretata da Carey Mulligan. Refn ha ottenuto la Palma d'Oro come miglior regista al Festival di Cannes del 2011.

Share this page

Oscar 2014

Tre film danesi sono stati selezionati per la corsa all'Oscar 2014: "Il Sospetto" per la categoria Miglior Film in Lingua Straniera, "The Act of Killing" nella categoria Documentario e "Helium" per i Corti Live Action. "Helium" di Anders Walter ha portato a casa l'ambita statuetta!

Il Sospetto (trailer)

In Un Mondo Migliore (trailer)

Royal Affair

La Danimarca ha dato i natali a molti registi amati e celebrati a livello internazionale -alcuni sono brillanti, altri brillanti e controversi.